Attività e documenti


        

Comunicato sul successo elettorale

05 lug 2002

del segretario nazionale Claudio Castelli

I risultati delle elezioni del Csm evidenziano univocamente due dati:
- la fiducia che i magistrati italiani continuano ad avere nell’associazionismo
giudiziario e nelle sue articolazioni;
- il successo limpido e senza discussione dell’alleanza Md,
Movimento per la Giustizia, "Ghibellini" Impegno per la legalità che meglio
degli altri ha impersonificato difeso con fermezza, con chiarezza e con serietà,
anche in occasione del recente sciopero, l’indipendenza della magistratura.


Ultimo appello al voto

22 giu 2002

di Md

Cara collega, caro collega, le elezioni del Csm sono ormai prossime. Abbiamo
detto pi volte che si tratta di elezioni di importanza senza precedenti. Eppure,
anche grazie a un sistema elettorale di tipo personalistico e confuso, esse
stanno suscitando limitata attenzione e passione. ll nuovo Consiglio, la sua
intransigenza nel difendere l’indipendenza della giurisdizione e dei singoli
magistrati, la sua capacità di buona e tempestiva amministrazione, saranno riferimenti
fondamentali per ciascuno di noi nei prossimi quattro anni.


La proclamazione dello sciopero del 20 giugno 2002

16 giu 2002

dell’Anm

Il Comitato direttivo centrale dell’Anm riunito in Roma il 12 giugno 2002

Premesso che il 20 aprile all’unanimità ha indetto una giornata di astensione dalla attività giudiziaria

Ribadisce che nella prospettiva della riforma dell’ordinamento giudiziario devono essere salvaguardati come punti essenziali:


Gli aumenti ai magistrati amministrativi

08 giu 2002

di Md
  1. L’emendamento alla legge finanziaria: una breve cronistoria


Comunicato sul diniego del concerto a Libero Mancuso

05 giu 2002

del segretario nazionale Claudio Castelli

Il diniego del concerto da parte del Ministro della Giustizia alla proposta
(di minoranza) di nomina del dott. Libero Mancuso a Procuratore di Forlì è un
atto grave dal punto di vista istituzionale ed un pericoloso precedente.
Il concerto da parte del Ministro alle proposte di nomina per incarichi direttivi
avanzate dalla competente Commissione del Csm deve riguardare unicamente
la valutazione del Ministro circa la capacità organizzativa e gestionale dei
candidati.


Per una legislazione sull’immigrazione giusta ed efficace

31 mag 2002

di Md e altre associazioni

La Camera dei deputati, in sede di discussione del disegno di legge Bossi-Fini,
ha approvato un emendamento che prevede il prelievo delle impronte digitali
per tutti i cittadini extracomunitari che chiedono il permesso di soggiorno
o il suo rinnovo.


Comunicato sullo sciopero dei magistrati italiani

26 mag 2002

del segretario nazionale Claudio Castelli

Il Comitato Direttivo Centrale dell’Associazione ha deciso dopo una sofferta
riunione di proclamare lo sciopero dei magistrati per il prossimo 20 giugno,
rinviandolo dalla data originaria del 6 giugno, con un’esplicita richiesta di
stralcio di alcune parti del disegno di legge sull’ordinamento giudiziario.


Comunicato sull’anniversario di Capaci

23 mag 2002

del segretario nazionale Claudio Castelli

Il decennale dell’omicidio di Giovanni Falcone impone a tutti gli uomini di
buona volontà impegnati sul fronte del contrasto alla criminalità mafiosa un
obbligo di riflessione e di allarme.


Appello al voto

21 mag 2002

di Md-Movimenti

Viviamo tempi drammatici e senza precedenti, in cui è in atto un chiaro tentativo
di resa dei conti con la magistratura che in questi anni ha cercato di inverare
l’eguaglianza dei cittadini davanti alla legge. E’ questa situazione che ci
impone nuove responsabilità e un’accelerazione di quei processi di ripensamento
e di rinnovamento dell’associazionismo e delle pratiche dell’autogoverno che
noi e larga parte dei magistrati ritengono ormai indilazionabile. Oggi sono


Comunicato sulle dichiarazioni di Cordova alla Commissione antimafia

08 mag 2002

del segretario nazionale Claudio Castelli

Le dichiarazioni rese ieri alla Commissione antimafia dal Procuratore
Cordova sono a dir poco stupefacenti.
Occorre probabilmente rammentare che l’art. 70 dell’Ordinamento Giudiziario
prevede che il Procuratore della Repubblica "diriga l’ufficio, ne organizzi
l’attività ed eserciti personalmente le funzioni attribuite al pubblico ministero
dal codice di procedura penale e dalle altre leggi, quando non designi altri
magistrati addetti all’ufficio."


Condividi contenuti
© 2020 MAGISTRATURA DEMOCRATICA ALL RIGHTS RESERVED - Web Project and Design Agrelli&Basta Pubblicità Grafica Web New Media