Sezione di Trieste


Zoom | Stampa

La
Sezione di MD di Trieste, riunita il giorno 30.1.2007, ha inteso
portare un suo contributo al dibattito pre-congressuale, segnalando
alcuni punti che ritiene meritino particolare attenzione.

Il
Congresso si celebra in un momento difficile per MD, dovremmo però
evitare di affrontarlo con intenti da "resa dei conti". Non mancherà
l'analisi sugli eventi più recenti (la scelta delle candidature per il
CSM, l'esito delle elezioni...), ma il dibattito non potrà ridursi a
questo, ne uscirebbe uno sterile rito di auto-flagellazione che non
servirebbe a orientare e a dare nuovo slancio all'attività della
corrente. Il congresso dovrà essere piuttosto il luogo dove elaborare e
far crescere nuove idee.

Anzitutto,
crediamo, nell'orientare l'azione di MD va superata la distinzione -
del tutto artificiosa - tra impegno sulle grandi questioni di ordine
generale e un'azione più strettamente "sindacale".

La
distinzione (come è noto) è stata portata alla ribalta dall'insorgere
di una vera e propria "emergenza giustizia", per l'impoverimento delle
risorse economiche, la crescente inefficienza del sistema (anche a
causa delle riforme più recenti), ma soprattutto perché i magistrati -
fin dall'epoca dell'istituzione della c.d. commissione bicamerale -
hanno visto continuamente messo in gioco lo statuto della loro
indipendenza e da ultimo, dopo l'entrata in vigore dell'"ordinamento
Castelli", il nuovo governo è giunto persino a metter mano sui loro
stipendi.

Dunque
è comprensibile che l'attenzione per le problematiche più strettamente
"sindacali", negli ultimi tempi (e soprattutto per i più giovani, i
quali in concreto godono di meno garanzie) si sia fortemente accentuata.

La
contrapposizione, però, non ha ragion d'essere, perché - crediamo - non
si possano pronunciare parole convincenti sulla realtà mondo
giudiziario se non si muove da una visione di insieme e di alto respiro
del nostro lavoro, ancorata al ruolo che la Costituzione assegna alla
magistratura e a ciascun giudice. Sarà sempre la "cifra culturale" a
marcare la differenza fra MD e quei gruppi che costruiscono il loro
consenso sulla "tutela delle ragioni individuali" o persino sulla
dinamica clientelare.

Dunque,
ci sentiamo di concludere che MD dovrà continuare a tener dietro a una
fertile elaborazione culturale, proprio per evitare che la giusta
attenzione sul lavoro dei magistrati si traduca in spinta corporativa;
detto in altre parole, perché le "ragioni della magistratura" che
vorremo diffondere nel generale dibattito culturale diano voce,
piuttosto che ai nostri interessi, alla tutela dei diritti e delle
garanzie dei cittadini.

Crediamo
che, fra le proposte e le idee finora divulgate in vista del Congresso
meriti una particolare attenzione quella avanzata dalla sezione veneta,
che assai più di altre giunge a concrete indicazioni di metodo.

In
particolare, riteniamo meriti ampia condivisione l'analisi sulla
situazione esistente e sulle cause delle difficoltà che MD ha
incontrato nel proporsi ai colleghi più giovani; viceversa, non suscita
consensi altrettanto unanimi l'insieme dei rimedi che la sezione veneta
propone.

In
particolare, se vi è qualcuno che ha sottolineato l'originalità della
proposta (che avrebbe centrato il nocciolo delle recenti difficoltà
della corrente) e crede perciò che una profonda ristrutturazione
organizzativa possa rafforzare MD e la sua capacità di attrazione,
altri dubitano che debba venire rimessa in gioco persino la struttura
della corrente e che non vada invece semplicemente ripensata la prassi
operativa.

Infine, riteniamo che per l'auspicato rilancio di MD e, soprattutto, il miglioramento del suo appeal verso i giovani colleghi, servano soprattutto due cose.

Anzitutto,
una rinnovata ed effettiva coerenza fra principi proclamati e prassi
(di lavoro, di comportamento negli uffici) effettivamente seguite dai
suoi aderenti.

Poi,
l'elaborazione di nuove forme di intervento nelle singole realtà
giudiziarie, quale potrebbe essere - ad esempio - l'istituzione di
"osservatori" (con compiti conoscitivi, di studio e proposta) su temi
che, a livello locale, vengano ritenuti "sensibili" (ad es., il
rispetto delle previsioni tabellari) o su argomenti giurisprudenziali
di interesse e attualità (reati in materia di immigrazione, diritto
penale del lavoro, etc.): iniziative come queste - crediamo - da un
lato permetterebbero a noi di MD di avvicinare meglio le realtà in cui
operiamo, dall'altro mostrerebbero ai colleghi (soprattutto a quelli
più giovani, che meno direttamente ci conoscono) che l'elaborazione
culturale di MD può riuscire concretamente utile al lavoro di tutti i
magistrati.

17 07 2007
© 2020 MAGISTRATURA DEMOCRATICA ALL RIGHTS RESERVED WEB PROJECT AND DESIGN AGRELLIEBASTA SRL