A cura di Magistratura democratica. Il nuovo ordinamento giudiziario: scheda sulla Scuola della Magistratura


Zoom | Stampa

La Scuola dela Magistratura: organi sedi, compiti, la partecipazione dei Magistrati ai corsi

LA SCUOLA DELLA MAGISTRATURA NELLA LEGGE 111/2007

 

Viene istituita la scuola della Magistratura che si occuperà della formazione dei magistrati. Fino ad oggi curata dal CSM.

Modificando radicalmente l’impianto della legge Castelli sono assicurate la separazione tra formazione attribuita alla scuola e valutazione dei magistrati (di competenza del CSM, il riavvicinamento all'autogoverno, il recupero della formazione decentrata.

La netta separazione della formazione dalla valutazione è l’indispensabile presupposto per il rispetto della sfera di attribuzioni costituzionali del Csm, unico organo preposto, in via esclusiva, all’esercizio del potere decisorio in punto di valutazione dei magistrati; tale separazione è, altresì, indispensabile per assicurare l’efficacia del ruolo formativo della scuola.

 

La chiara definizione delle competenze reciproche tra scuola e CSM rappresentano elementi essenziali per il rispetto delle attribuzioni costituzionali del Consiglio e per l'efficacia e la trasparenza dell'attività della stessa scuola. Altrettanto importante appare la scelta di attribuire alla scuola compiti formativi anche per i magistrati onorari e, in parte, per i dirigenti amministrativi, superando la tradizionale e negativa separazione dei ruoli ed attraendo all'interno di un unico circuito formativo tutto il mondo che concorre alla direzione delle strutture giudiziarie.

Rimangono, comunque, punti non soddisfacenti rappresentati dalla presenza di tre sedi sul territorio nazionale ed un rapporto non soddisfacente tra CSM e Ministro nella nomina dei componenti del comitato direttivo.

I - ORGANI

  • Il Comitato direttivo di 12 membri con durata di 4 anni
    • 6 magistrati nominati dal C.S.M.;
    • 1 magistrato nominato dal Ministro della Giustizia;
    • 1 docente universitario nominato dal CSM
    • 2 docenti universitari nominati dal Ministro della Giustizia
    • 2 avvocati nominati dal Ministro della Giustizia

     

Il Comitato adotta le linee programmatiche proposte annualmente dal Consiglio superiore della magistratura e dal Ministro della giustizia, il programma annuale dell’attività didattica; nomina i docenti; determina i criteri di ammissione ai corsi;

 

  • Il Presidente, nominato dal Comitato direttivo
  •  

  • Il Segretario Generale, scelto dal Comitato direttivo tra i magistrati ordinari ovvero tra i dirigenti di prima fascia, è il responsabile della gestione amministrativa della Scuola
  •  

 

II - SEDI

Sono previste tre sedi, individuate dal Ministro: Bergamo, Firenze e Benevento

III - COMPITI

  • formazione e aggiornamento dei magistrati ordinari e onorari
  •  

  • attività di formazione decentrata;
  •  

  • formazione, su richiesta della competente autorità di Governo, di magistrati stranieri in Italia
  •  

  • svolgimento di seminari per operatori della giustizia o iscritti alle scuole di specializzazione forense;
  •  

  • collaborazione alle attività connesse con lo svolgimento del tirocinio dei magistrati ordinari nell’ambito delle direttive formulate dal Consiglio superiore della magistratura e tenendo conto delle proposte dei consigli giudiziari.
  •  

 

IV - PARTECIPAZIONE DEI MAGISTRATI AI CORSI

Tutti i magistrati devono partecipare almeno una volta ogni quattro anni ad un corsi di aggiornamento professionale.

Nei primi quattro anni successivi all’assunzione delle funzioni i magistrati devono partecipare almeno una volta l’anno a sessioni di formazione professionale.

 

Versione del 9 ottobre 2007

 

Sul sito www.magistraturademocrtica.it, alla sezione "ordinamento giudiziario" si può consultare la versione aggiornata di questa scheda

 

10 10 2007
© 2019 MAGISTRATURA DEMOCRATICA ALL RIGHTS RESERVED WEB PROJECT AND DESIGN AGRELLIEBASTA SRL